Libreria a parete: consigli per la realizzazione

libreria a parete

La libreria a parete è una soluzione classica che può trasformarsi in uno degli elementi più scenografici dell’intera zona living.

La libreria è un elemento molto importante nel progetto di arredamento non solo del salotto o della zona living, ma anche dell’area notte, degli studi e degli uffici. Talvolta, risulta una componente molto importante anche per le camere da letto. La sua funzione non è essenziale come quella di un divano, ma la sua presenza è un elemento rassicurante che aggiunge calore e confort alla nostra casa. Come la si progetta, dunque, per trasformarla in un progetto davvero utile e funzionale?

Il posizionamento della libreria

Perché siano davvero utili e, possibilmente, scenografiche, le librerie a parete dovrebbero essere sempre collocate in posizioni strategiche della casa. Un esempio classico è quello della parete principale del soggiorno, della cameretta o dello studio. Un progetto su misura può fare la differenza nella organizzazione delle aree dedicate non solo ai libri, ma a tutti quei piccoli e grandi oggetti che richiedono uno spazio dedicato – sempre a portata di mano.

In base a quello che decidi di esporre (e non di riporre, dunque) la libreria organizzata diviene anche pretesto d’arredo ed elemento imprescindibile di design. Una bella scaffalatura organizzata, creata su misura per un ambiente, crea calore e atmosfera, e cattura l’attenzione di coloro che entrano nella stanza.

La modularità della libreria

libreria in casa

Il segreto di una libreria che funziona davvero è la sua capacità di adattarsi alle esigenze di chi la usa. Ogni parete libreria è composta di differenti moduli che possono e devono essere attrezzati in maniera razionale, lasciando spazio a una punta di creatività. Non solo libri e vasi o complementi d’arredo, dunque, ma anche comode ante – in legno o in vetro fumé per la cristalleria o per esporre trofei, magari. Le mensole estraibili possono allungarsi, per esempio, andando a creare spazi d’appoggio temporanei per i ricevimenti e le feste, e la zona bar, da illuminare con strisce LED sotto mensola per creare un effetto lounge, vanno subito a dare quel tocco sofisticato a una semplice parete attrezzata. Combina il tuo progetto di libreria con un’illuminazione adeguata e sfrutta il potenziale di mensole in vetro o cristallo per diffondere la luce creando giochi interessanti e sempre differenti. Il risultato sarà degno di nota e, soprattutto, molto utile per vedere cosa hai riposto, sempre.

 

 

Schienale o non schienale?

La scelta dello schienale per una libreria è puramente soggettiva, e dovrebbe essere fatta in ottica del rispetto delle armonie cromatiche della stanza. In un ambiente dove, per esempio, la libreria poggia su una carta da parati molto strutturata, potrebbe essere una buona idea utilizzare uno schienale per ridurre l’effetto “chiassoso” di troppi elementi combinati insieme.

Se sei in dubbio per questo tipo di scelta, ti consigliamo di fare una prova e comprendere quale soluzione funziona meglio nel tuo contesto. Ricordati che le boiserie e, in generale, gli schienali, tendono a far sembrare uno spazio più piccolo di quanto non sia effettivamente. Tuttavia, la loro struttura si presta a sperimentare con elementi attrezzati davvero interessanti, come portabottiglie o vasi sospesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *